La Rassa a Bute

Dramma in Lingua Leccese

CPC 2010

 

La rassa a bute

La Rassa a Bute è un dramma in musica in lingua leccese di autore ignoto e risalente presumibilmente all’inizio del Settecento, di cui si conserva il testo ma non la musica originale. Un pregevole testo teatrale, appartenente a quel genere dell’opera buffa “napoletana” molto in voga  nel Salento settecentesco, per il quale sono in corso da anni ferventi studi accademici riguardanti la problematica linguistica.

I Khaossia, su consiglio di Alessandro Laporta, direttore della Biblioteca Provinciale di Lecce in cui è conservato il manoscritto originale, hanno voluto far rivivere l’opera attraverso questa produzione discografica, anteprima di una futura rappresentazione scenica nei teatri storici salentini.

Si è scelto di musicare alcune sezioni dell’opera, individuate come “arie”, e rievocare la tecnica del recitato e recitativo in altre. Lo stile compositivo ed esecutivo è sempre quello eterogeneo che contraddistingue i Khaossia: radici nella musica antica, nella world music e ovviamente in quella salentina. Le musiche sono state composte e arrangiate da Fabio Turchetti.

L’opera è stata presentata a Lecce presso il settecentesco Convitto Palmieri e negli USA all’America-Italy Society of Philadelphia.

Luca Congedo, flauti antichi e moderni

Fabio Turchetti, organetti e clavicembalo

Giancarlo Picci, attore e voce recitante

Viviana Calabrese, voce e tamburi a cornice

Pier Paolo Del Prete, violino

Vincenzo Urso, voce, bouzuki, tamburi a cornice e chitarra

Giovanni Amati, voce e tamburi a cornice

Mauro Durante, tamburi a cornice

Davide Grazioli, chitarra

Rassegna Stampa Rassa a Bute

Ascoltalo qui

Rassa a Bute su Apple MusicRassa a Bute su Spotify